Bitcoin raggiunge i 26.000 dollari per la prima volta, meno di un giorno dopo aver superato i 25.000 dollari

Il prezzo del bitcoin (BTC) ha superato i 26.000 dollari, a malapena si è fermato dopo aver soffiato attraverso quello che avrebbe dovuto essere il livello di riferimento di 25.000 dollari meno di 24 ore prima.

Recentemente, la principale moneta crittografica ha lasciato sulla sua scia una serie di dischi rotti a un ritmo sempre più rapido dopo aver superato la soglia psicologicamente chiave di 20.000 dollari per la prima volta il 16 dicembre.
BTC ha battuto per la prima volta 25.000 dollari venerdì sera, e ha stabilito un nuovo record di tutti i tempi di 26.368,16 dollari il sabato pomeriggio, prima di stabilirsi di nuovo a 26.246,72 dollari, con un aumento del 7,39% rispetto al giorno precedente. La BTC è cresciuta di oltre il 250% rispetto all’anno precedente.

Gli investitori istituzionali sono percepiti come il motore di questa corsa da record. Tra questi: Anthony Scaramucci’s Skybridge Capital (25 milioni di dollari a dicembre); MassMutual (100 milioni di dollari a dicembre); e Guggenheim (fino al 10% del suo fondo macro da 5 miliardi di dollari).

Inoltre, la Federal Reserve degli Stati Uniti, insieme ad altre banche centrali, ha stampato denaro con abbandono cercando di evitare i peggiori effetti economici della pandemia, mentre il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha spinto il Congresso ad approvare un pacchetto di aiuti ancora più grande per consentire maggiori controlli di stimolo. Queste azioni sono viste da molti come probabili catalizzatori dell’inflazione, contro i quali BTC è vista come una copertura.

C’è chi pensa che BTC abbia appena iniziato. Scaramucci ha detto che BTC è agli „early inning“ e questo pomeriggio, il cripto venture capitalist/bitcoin evangelist Tim Draper ha twittato che il prezzo della principale moneta criptata potrebbe decuplicare il prezzo entro la fine del 2022.